Ambiente

Periodicamente, pervengono a questo Comune numerose segnalazioni da parte di cittadini che lamentano inconvenienti igienico-sanitari dovuti allo stato d’incuria e abbandono di taluni appezzamenti di terreni ed aree incolte di proprietà privata posti sia all'interno che all'esterno del centro abitato.

 

L’Amministrazione Comunale considera un fatto gravissimo la presenza di questi terreni incolti, molto spesso confinanti con abitazioni che costituiscono così un ottimo habitat per gli animali e un ricettacolo di rifiuti solidi urbani che mettono a rischio l’igiene e la salute della Comunità.

 

Ritenendo che sia indispensabile adottare gli opportuni provvedimenti per eseguire degli urgenti interventi di pulizia delle aree incolte di proprietà privata, si ordina:

  • ai proprietari di lotti edificabili siti nel centro abitato;
  • ai conduttori di terreni incolti o coltivati sul territorio comunale;
  • ai proprietari di aree verdi incolte e di aree pertinenziali degli stabili sia civili che industriali;
  • ai responsabili dei cantieri edili aperti alla data di entrata in vigore della presente ordinanza;
  • ai proprietari di aree in genere inedificate recanti depositi temporanei e permanenti all'aperto

 

ciascuno per le proprie competenze, di provvedere alla pulizia di erbacce, rovi, sterpaglie ed altro materiale secco e/o infiammabile entro e non oltre il 15 giugno di ogni anno e che, comunque, successivamente, dovranno essere effettuati ciclicamente in modo da garantire la perfetta pulizia e manutenzione dei luoghi al fine di evitare pericoli e danni per la salute pubblica.

 

Si stabilisce inoltre, che l'inosservanza delle disposizioni previste dalla presente ordinanza comporta l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di Euro 150,00 ad un massimo di Euro 500,00 – art.7bis Dlgs 267/2000 e s.m.i.

 

Il Sindaco

torna all'inizio del contenuto