Leverano che cresce

Lunedi scorso la Giunta Comunale ha approvato quattro importanti progetti per il nostro paese. Si tratta di interventi per oltre 1.700.000 euro finanziati dalla Regione Puglia e finalizzati alla rigenerazione e riqualificazione di aree marginali, zone con rilevanza ambientale ed immobili pubblici. Quattro progetti che compongono un unico quadro che contribuirà a migliorare fortemente il nostro paese e la vita stessa della comunità.

 

• Il primo intervento riguarda il recupero dell’immobile comunale di via Turati all’interno del quale saranno collocati spazi per le nostre associazioni, per l’inclusione sociale, l’educazione alla legalità, la partecipazione e l’ospitalità.

• Il secondo intervento riguarda il recupero di un’area pubblica collocata in zona La Mennula, tra l’asilo nido e l’attuale scuola materna. Un’area attualmente marginale che sarà trasformata in uno spazio verde attrezzato e parco didattico a servizio dei cittadini.

• Il terzo intervento è finalizzato a valorizzare un sistema ambientale che caratterizza da sempre il nostro territorio: le Vore. Il progetto prevede interventi di pulizia e riqualificazione ambientale insieme alla realizzazione di un sistema di collegamento pedonale e ciclabile, di ausili per l’informazione, la valorizzazione e la divulgazione della conoscenza della nostra storia e delle caratteristiche peculiari del nostro territorio.

• Il quarto intervento si colloca nella grande area di Padula Cupa, posta tra la via Emilia e la via Macchiavelli, trasformandola in un grande spazio verde naturale che sarà attraversato da piste ciclabili, percorsi pedonali, uno spazio protetto per i nostri animali, orti urbani, un vigneto sociale. Un progetto che, nel rispetto delle caratteristiche idrogeologiche dell’area, trasformerà la fisionomia del nostro paese, offrendo alla comunità dei cittadini un ambiente migliore.

 

È importante ricordare che i progetti sono stati realizzati da un ampio gruppo di tecnici professionisti, geologi, paesaggisti, coadiuvati dai responsabili dell’ufficio Urbanistica e Lavori Pubblici del nostro comune, ma che sono il frutto di un processo partecipativo che ha coinvolto centinaia di cittadini ed associazioni locali, i quali hanno riscritto il Documento di Programmazione per la Rigenerazione Urbana ed hanno fornito i contenuti necessari per definire gli interventi.

torna all'inizio del contenuto